Di Maio: Cancelleri candidato M5s in Sicilia, non ci fermeranno

Share

Giulivi aveva presentato ricorso dicendo di essere stato escluso con un espediente e senza una reale motivazione.

La decisione è stata presa dalla quinta sezione civile del tribunale di Palermo: il provvedimento cautelare ha comportato una sospensione dell'elezione e ha rimandato la causa al 18 settembre, così da integrare il contraddittorio nei confronti dei candidati che si erano classificati in una posizione che gli garantiva l'accesso nella lista.

Intanto Cancelleri sta proseguendo il tour per i comuni siciliani e oggi è a Brolo.

Luigi Di Maio esce allo scoperto e dichiara, in caso che gli attivisti certificati lo vorranno, di essere pronto a essere il candidato premier del Movimento 5 Stelle alle prossime elezioni politiche nel 2018. A muso duro risponde il senatore catanese Mario Giarrusso, noto perché non le manda a dire: "Si svolgerà tutto regolarmente, Cancelleri è il nostro candidato e quelli che stanno fuori lo resteranno". Lo ha fatto accogliendo in via cautelativa il ricorso presentato dall'attivista Mauro Giulivi, escluso dalla competizione online per la designazione del candidato governatore, poi vinta da Giancarlo Cancelleri. "Prima di arrivare a questo stadio, proprio in virtù del rispetto per il Movimento e per ciò che rappresenta, per settimane ho cercato il dialogo e la mediazione, ma niente da fare, ho ricevuto solo picche e porte in faccia". "Più che un test nazionale, il voto del 5 novembre lo vedo come un referendum: si può votare contro chi ha usato la Sicilia come un bancomat o votare per noi". "Farlo prima delle votazioni, sarebbe come fare il fantacalcio".

Russia-Turkey S-400 supply deal worth more than 2 billion Dollars
It has a 400 kilometre-range and can work with four different types of missiles with different starting weight and launch ranges. What were we supposed to do, wait for you? "We are taking and will take all our measures on the security front".

Una magistrata del Tribunale di Palermo ha sospeso le cosiddette "regionarie" del Movimento 5 Stelle in Sicilia. Ma il blog di Beppe Grillo rassicura gli iscritti: "Il M5s in Sicilia ci sara', non c'e' nessun rischio caos".

La giudice non riconosce al momento il testo che il candidato avrebbe dovuto firmare come codice etico e scrive nel provvedimento: "Poiché non risulta (né è stato allegato) che detta adesione dovesse intervenire prima della candidatura proposta online, e al contrario risulta che nella precedente procedura per le comunarie detta adesione è stata richiesta solo all'esito delle primarie, e poiché il Giulivi è stato escluso da detta procedura, senza formalizzazione di alcun invito alla relativa sottoscrizione, deve escludersi la sussistenza della causa ostativa alla candidatura (mancata sottoscrizione del cosiddetto codice etico) prospettata dall'associazione resistente".

"Rabbrividisco che da una parte ci sia Crocetta e dall'altra gli uomini di Cuffaro e Lombardo - ha aggiunto - Se vogliamo liberare l'Italia dobbiamo cominciare a liberarci dei partiti siciliani che hanno contribuito a distruggere questa terra".

Share