Vende la figlia per 15mila euro: doveva sposare un serbo

Share

Secondo quanto ricostruito dai poliziotti, il padre della bambina ha esercitato per anni sulla figlia poteri corrispondenti al diritto di proprieta': fin dall'eta' di 13 anni, e' stata promessa in sposa ad un connazionale residente, con la propria famiglia, in Francia. Riduzione in schiavitù il reato contestato all'uomo, arrestato in esecuzione di una misura di custodia cautelare in carcere disposta dal gip su richiesta della Dda fiorentina. A darne notizia Rai News. A tenerla sotto stretta sorveglianza il padre della stessa figlia, che l'aveva promessa sposa a un uomo, per 15.00 euro.

Aveva iniziato a mangiare il più possibile così da ingrassare e sperare di salvarsi dal matrimonio che non voleva, la minorenne. La ragazzina, adesso diciassettenne, originaria dell'Est Europa, si trova in una struttura protetta. Fino a tale data, la stessa avrebbe dovuto mantenere la verginità, dimagrire per ritrovare la forma del primo incontro ed imparare a svolgere le faccende domestiche, pena la restituzione della somma versata.

Un nuovo cda per Trenitalia
Ferrovie dello Stato ha designato anche il nuovo Cda di Trenitalia con Tiziano Onesti che è stato riconfermato presidente. Iacono lascerà l'incarico di Direttore della Divisione Passeggeri Regionale di Trenitalia che ricopre dal 2014.

Il ragazzo ha allertato un centro antiviolenza e quest'ultimo la polizia che, un paio di settimane fa, ha perquisito l'abitazione della promessa sposa - la cui partenza per la Francia era imminente - e l'ha portata via dalla famiglia.

Nonostante le fossero stati tolti i soldi e la scheda del cellulare, la giovane è riuscita a collegarsi ad una wi-fi e, tramite la chat di un gioco per smartphone, è riuscita a chiedere aiuto a un suo coetaneo. Non poteva uscire, se non rare volte per ritirare alcuni farmaci della madre, sempre accompagnata dai maschi di casa. Solo pochi giorni dopo sarebbe dovuta andare in Francia per sposarsi. In caso non fosse stata rispettata una delle condizioni i genitori avrebbero dovuto restituire tutto. Da qui sono partite le indagini - condotte dalla squadra mobile - e il padre della giovane, un cittadino serbo, è stato arrestato. Proprio grazie a una di queste applicazioni e a un wi-fi libero mentre era a fare spese, ha potuto contattare altri utenti che giocavano informandoli di come veniva trattata.

Share