Tim, Wind, Tre e Vodafone: AGCOM ha deciso di sanzionare tutti

Share

"L'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, relatore il Commissario Francesco Posteraro, ha deciso di avviare procedimenti sanzionatori nei confronti degli operatori telefonici Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb per il mancato rispetto delle disposizioni relative alla cadenza delle fatturazioni e dei rinnovi delle offerte di comunicazioni elettroniche", si legge nella nota. Anche M5s si è detto disponibile a fare una legge, su un tema sempre più caldo che rischia ormai di diventare oggetto di contesa elettorale. "Agcom non ha il potere di disciplinare il contenuto dei rapporti contrattuali fra operatori telefonici e clienti, quale ad esempio la durata di rinnovo e dei cicli di fatturazione, ma può soltanto intervenire a tutela della clientela in materia di trasparenza informativa". Tutt'altro che una quisquilia, perché con la "bolletta" telefonica che arriva ogni quattro settimane le mensilità in un anno solare diventano tredici e non più dodici.

L'Agcom annuncia inoltre che sta valutando l'adozione di ulteriori iniziative, anche per evitare che le condotte dei principali operatori di telecomunicazioni possano causare un effetto di "trascinamento" verso altri settori, caratterizzati dalle stesse modalità di fruizione dei servizi. Al termine delle verifiche effettuate da Agcom, è risultato che gli operatori menzionati non hanno rispettato la delibera dell'Autorità. Anzi, se a dare inizio alle danze erano state Vodafone e Wind, dopo il divieto dell'Autorità non solo nulla è cambiato, ma in pista si sono buttate anche Tim nel mese di aprile e Fastweb in maggio. Già a marzo infatti il garante aveva intimato loro, a mezzo di una delibera, di tornare alla tariffazione a 30 giorni.

"Al fine di garantire massima trasparenza e confrontabilità dei prezzi vigenti, nonché il controllo dei consumi e della spesa garantendo un'unità standard (mese) del periodo di riferimento delle rate sottostanti a contratti in abbonamento per adesione", con una delibera del marzo scorso, l'Autorità aveva infatti stabilito "che per la telefonia fissa e per le offerte convergenti l'unità temporale per la cadenza delle fatturazioni e del rinnovo delle offerte dovesse avere come base il mese o suoi multipli".

Esplosione nella metropolitana a Londra, ci sono feriti
I giornali e i siti inglesi riferiscono di questo secchio contenente alcune sostanze che ha provocato una "palla di fuoco" . Secondo una prima ricostruzione ad esplodere sarebbe stato un contenitore bianco abbandonato in uno dei vagoni .

Agenpress. Giusta e sacrosanta la decisione dell'Agcom di comminare sanzioni agli operatori di telefonia per le bollette a 28 giorni.

Ciò dimostra che c'è una vera e propria insofferenza alle regole da parte degli operatori di telecomunicazione. Nei prossimi giorni si attendono altri botta e risposta sulle fatture a 28 giorni tra Agcom e Gestori.

Share