Bambina di 5 anni colta dalla malaria

Share

La paziente era rientrata il 6 settembre, ricostruisce sempre l'Asl, da un soggiorno in un Paese africano. La donna si è presentata ieri sera al pronto soccorso spiegando che non stava bene.

Il Dipartimento di Igiene Pubblica dell'Ausl di Imola ha avviato fin dalla prima mattinata l'indagine epidemiologica che ha confermato che la bambina è rientrata da alcuni mesi da un viaggio nel paese d'origine dove avrebbe verosimilmente contratto la malattia.

La bambina è stata trasferita all'ospedale Sant'Orsola di Bologna in condizioni non critiche dopo che il laboratorio unico metropolitano ha confermato la presenza del Plasmodium Vivax, una specie assai meno aggressiva del Plasmodium Falciparum. Il P.Vivax infatti può avere un'incubazione di diversi mesi.

EasyJet lancia la piattaforma voli intercontinentali low cost
Le mete raggiungibili nel Nord America, al momento, sono le città di New York, Los Angeles, Orlando e Toronto a cui va aggiunta la meta asiatica di Singapore.

Secondo quanto appreso, la ragazza è residente a Bologna, nata in Italia, ma non ha la cittadinanza italiana.

Le condizioni della ragazza "sono stabili", fa sapere l'Ausl in una nota, in cui informa che la giovane ha 18 anni e che "i medici si sono riservati la prognosi per le prossime 48 ore". Gli esami hanno confermato che si tratta di malaria, presumibilmente un caso importato.

Lo scorso 5 settembre a Trento era invece morta di malaria una bambina di 4 anni.

Share