Roma- Atletico Madrid. Le formazioni ufficiali

Share

"Abbiamo fatto un ottimo primo tempo, nella ripresa siamo calati e sono stato costretto a cambiare sistema, per trovare un po' di equilibrio e riuscire a contenere le loro iniziative".

"Lo vedremo giocando... Può essere un vantaggio perché abbiamo avuto più tempo per preparare il match, ma ora in classifica stiamo in ritardo e quindi non potrebbe essere un aiuto per il campionato. Noi abbiamo Strootman che è un leader, lo vedo molto forte e può trascinare la squadra, abbiamo bisogno di giocatori come lui che sappiano trascinare la squadra, confido nella loro esperienza, ci vogliono giocatori caratteriali contro l'Atletico Madrid". Allo scadere Alisson salva ancora i suoi sul colpo di testa di Saul che poi sbatte incredibilmente sul palo sulla ribattuta. Sempre presente nelle finora tre partite ufficiali e anche in nazionale, ieri è sembrato stanco, preso in mezzo dai centrocampisti spagnoli in particolare da Saul. In mani di Vietto su un suo cross poteva valere il rigore. La Roma ribatte: schema da angolo e tiro dai 30 metri di Nainggolan che mette il sapone sulle mani di Oblak.

La partita ora è vivace con la Roma che, ritrovata la fiducia, offende senza scoprirsi troppo. L'Atletico crea occasioni a ripetizione ed è in questo momento che esce fuori l'eroe giallorosso della serata, Allison. Ha eliminato in carriera la Lazio in Europa League, il Milan nella sua ultima parentesi in Champions e fatto soffrire la Juventus di Allegri due stagioni fa.

Champions League, Shakhtar Napoli 2-1. Insigne: 'Forse ci abbiamo creduto tardi'
Peccato per qualche buona occasione non sfruttata al meglio. "Abbiamo perso, adesso abassiamo la testa e continuiamo a lavorare". Non so cosa abbiamo sbagliato , ma lo vedremo con il mister in settimana, cercando di correggere gli errori.

La Roma deve far valere al 100% il fattore campo... Sono infatti bastati novanta minuti da urlo, durante la sfida di Champions League contro l'Atletico Madrid, per convincere anche i più scettici e scacciare il pesante fardello dell'eredità del collega polacco. Al 3′ i giallorossi rischiano già di andare in svantaggio: Filipe Luis prende subito il controllo della fascia sinistra, supera con facilità Bruno Peres e serve in area Saul, la cui conclusione scheggia il palo esterno.

Primo punto in Champions per gli uomini di Eusebio Di Francesco. Ci sta, non penso siano le condizioni fisiche. Elogi più che meritati per Alisson, che ha avuto la tenacia di resistere all'ostracismo di Spalletti e alla tentazione di scappare alla Fiorentina: club al quale era stato proposto dall'allora direttore sportivo Sabatini. Una vera saracinesca contro gli assalti di Saul & Co. Allo Stadio Olimpico, al cospetto dell'Atlético Madrid, i Giallorossi ottengono un incoraggiante 0-0, frutto soprattutto delle grandi parate di Alisson.

Griezmann: era lo spauracchio tanto decantato il francese, ma il biondo goleador stasera non incide.

Share