L'agente di Hamsik spiega: 'Giocare sempre 60' è deprimente...'

Share

"Sono diventato più forte mentalmente perché non potevo allenarmi". Sono tre giocatori che possono giocare insieme, vediamo. Ha delle caratteristiche che nessun altro nostro centrocampista ha. "Più è in difficoltà e più lo faccio giocare, perché lui poi mi darà il 101%". Se superiamo indenni quei momenti della partita, andiamo a fare risultato grazie al forte potenziale in attacco. "Non sono soddisfatto di Atalanta e Bologna, perchè prima o poi ci lasceremo le penne".

Nelle prime cinque gare Hamsik è sempre stato sostituito: una situazione che l'agente dello slovacco ha confessato di non gradire, definendola deprimente. Lo Shakhtar, poi, ha qualità tecniche elevatissime. Ci costringeranno a difendere bassi ma può venire fuori una gara che ci concederà opportunità.

Il silenzio stampa non c'è più, ci sarà stampa per porre queste domande e ascoltare le risposte.

Sulle difficoltà e le qualità degli avversari ha dichiarato: "Lo Shakhtar è una squadra forte". Ecco le sue parole: "Silenzio stampa?".

Conferenza Montella: dalle critiche post-Lazio alle indicazioni di formazione per l'Austria Vienna
Le finali di Champions giocate dal Milan qui? "Non mi ha dato fastidio nulla". Suso è un calciatore che determina, come ce ne sono pochi.

Escludi la possibilità di schierare il tridente dello scorso anno a Kiev? Il primo riposo a Insigne?

Per quanto riguarda Raiola, non so nemmeno esattamente quello che ha detto. E una supposizione sua ma io in questo momento è l'ultima cosa a cui penso. "Avanti abbiamo una stagione affascinante, ragioniamo partita per partita e sono concentrato su questo".

Conferenza per Maurizio Sarri: "Tridente Callejon-Mertens-Milik possibile". Il girone è equilibrato, il Feyenoord era la migliore della quarta fascia e in più c'è il Manchester City. Il calendario non ci aiuta, con dieci giorni di nazionali non ti puoi allenare in vista di partite ogni tre giorni. Prima maglia sia per gli ucraini che per i partenopei. Non so ancora se giocherò domani titolare, ma non devo parlare di me: "qui è arrivato il Napoli e dobbiamo ragionare di squadra, con la mentalità di voler raggiungere l'obiettivo di squadra".

Comunque tranquilli: gioca Milik, ed è anche una cosa sensata. Sarri torna in conferenza - in Champions lo avrebbe fatto lo stesso, a prescindere dal silenzio stampa - e chiarisce un po' di punti.

Share