Kim Jong-un torna a minacciare il mondo: "Cancellerò Usa e Giappone"

Share

L'ennesima minaccia di Pyongyang, riportata dall'agenzia nordcoreana Kcna, arriva questa mattina dal Korea Asian-Pacific peace committee, che gestisce i tesissimi rapporti con Seul.

Continua l'altalena della tensione sul fronte nord-coreano, dove le sanzioni imposte al regime sembrerebbero aver scatenato l'ira del dittatore, ora pronto a farsi giustizia contro i paesi che a suo avviso lo avrebbero provocato e starebbero minacciando la sicurezza territoriale del suo paese. "Non è più necessario che il Giappone esista accanto a noi, questa è la voce dell'inferocito popolo ed esercito coreano" prosegue con violenza il report, dimostrando tutto il livore del leader Kim Jong-un verso l'asse Seul-Tokyo-Washington.

Cristiano Malgioglio, scintille al Grande Fratello Vip
Sentendo i racconti dei due fratelli Rodriguez , a Carmen sono tornati in mente i ricordi della sua infanzia e della sua nonna. Guarda il video di seguito, in cui lei e Simona Izzo spiegano perché è una buona abitudine tenere i reggiseni in freezer.

Pyongyang ha promesso infatti di voler utilizzare le armi nucleari che ha a disposizione per svolgere un'azione devastante sui due governi avversari. Gli Stati Uniti invece, con il loro imperialismo, rappresentano una vera minaccia per il potere del governo della Corea del Nord, poiché sono i maggiori responsabili delle problematiche nate con le Nazioni Unite. Si chiude così il comunicato: "Il gruppo di traditori pro-americani dovrebbe essere punito duramente e spazzato via con un attacco di fuoco in modo che non possa più sopravvivere".

Nel frattempo, da Tokyo è già arrivata una prima risposta alle minacce pronunciate dalla Korean Central News Agency, ovvero l'agenzia di stampa ufficiale del regime. I servizi di Seul nella relazione alla commissione parlamentare hanno assicurato che Kim "può effettuare un altro test nucleare da un momento all'altro visto che ha completato la costruzione di un terzo tunnel e un altro ancora è agli stadi finali di completamento".

Share