Champions, la carica di Milik: "Sono più forte, voglio giocare"

Share

Raiola? Non so neanche esattamente cosa abbia detto. Questa è l'ultima cosa che sto pensando, il prossimo anno è l'ultima preoccupazione. Come vi avvicinate allo Shakhtar? Il tecnico ha presentato la sfida: "Sarà una gara difficile, lo Shakhtar è una squadra forte". Ha giocatori offensivi molto tecnici ed è abituata a giocare in costante proiezione offensiva. Ci creerà difficoltà perché ci obbligherà a difendere bassi per alcuni tratti di gara. Chiaramente ci concederanno delle opportunità, dovremo essere bravi a sfruttarle. Sicuramente l'auspicio di entrambi e di tutti i tifosi è quello di rivedere Marek Hamsik in piena forma quanto prima. Come giudica il girone?

Donetsk, 12 set. - (AdnKronos) - "La prima partita del girone è sempre condizionante per i match successivi". Nella quarta fascia abbiamo preso la più forte, il Feyenoord, e poi c'è il City che non ha bisogno di presentazioni come pericolosità.

Le prime partite di campionato hanno evidenziato una crescita auspicata, quella mentale.

Milan, Conti ancora indisponibile per l'Europa League
Sull'aggiornamento della squadra: "E' buona, sono tutti a disposizione del mister eccetto Andrea Conti al momento". Situazione che monitoriamo di giorno in giorno.

GARE 'SPORCHE' - "Non credo gli altri si stiano adattando a noi". A me piace giocare bene per 90 minuti, non certo per 45 o 60. Sono pronto a giocare al 100%, ma la scelta deve farla l'allenatore.

"Non credo di aver perso sicurezze durante l'ultimo anno". Milik in campo? Secondo me sì. Magari sarà possibile capire anche i motivi di queste bocche cucite, perchè se fino alla fine del mercato poteva esserci una logica, considerando anche le tensioni per il caso-Reina, dopo ogni motivazione viene a cadere. Squadra meno fisica della Dinamo Kiev dell'anno scorso, ma molto molto più tecnica. Rispetto alla stagione scorsa sono pochi i cambi in rosa: "La mentalità è importante, ma tra quella e un po' di fortuna la differenza è minima". A Bologna nel primo tempo mi sono arrabbiato perché la prestazione non era al pari della nostra qualità. I complimenti per il gioco del Napoli sono piovuti da tutta Europa: "Intrighiamo per il nostro gioco in velocità e tecnico".

Share