Bce: Draghi, su futuro del Qe decideremo in ottobre

Share

Il Consiglio - si legge nella nota dell'Eurotower - "si attende che i tassi di interesse di riferimento della Bce si mantengano su livelli pari a quelli attuali per un prolungato periodo di tempo e ben oltre l'orizzonte degli acquisti netti di attività". In ogni caso "finché non riscontrerà un aggiustamento durevole dell'evoluzione dei prezzi, coerente con il proprio obiettivo di inflazione". L'impatto netto del tapering sarà inoltre controbilanciato dal reinvestimento dei titoli in scadenza attualmente detenuti dalla BCE, che dovrebbero ammontare a circa EUR 10 miliardi al mese a partire dal prossimo anno. Sempre in merito al Qe, ha chiarito il banchiere italiano, "non abbiamo discusso la scarsità di risorse" per quanto riguarda i bond acquistabili sul mercato, "abbiamo visto che siamo in grado di gestire questo problema abbastanza agevolmente". I dati diffusi dal governatore prevedono un'inflazione all'1,5% nel 2017 e all'1,2% nel 2018 a causa dell'apprezzamento dell'euro.

Il costo del denaro non subirà incrementi, è questa la decisione che Mario Draghi ha comunicato dopo il vertice della Bce che si è svolto oggi. Tutta l'attenzione è sui segnali che l'istituzione potrebbe valutare di fornire sulla futura attesa manovra di progressiva riduzione degli stimoli straordinari all'economia, il "tapering" del quantitative easing, ancora tutta da definire. E la Banca centrale rivede al ribasso le stime dell'inflazione per 2017 (a 1,5%) il 2018 (a 1,2% dal precedente 1,3%) e il 2019 (a 1,5% dal precedente 1,6%).

Assassin's Creed Origins godrà di funzionalità connesse per arricchire l'esperienza del giocatore
La lama celata di Bayek è nota per essere stata la prima in assoluto utilizzata dalla Confraternita degli Assassini. Il pezzo più pregiato della nuova serie Ubicollectibles è forse la riproduzione della celebre lama celata .

Draghi ha poi ribadito che una politica monetaria accomodante è necessaria perché le pressioni inflazionistiche crescano e che il Consiglio direttivo è pronto a incrementare il programma di acquisti in termini di entità e/o durata, se necessario. Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, il quale ha detto che l'istituto "calibrerà" in autunno le misure straordinarie. L'euro si sta apprezzando ma non è assolutamente un target di politica monetaria, ha precisato Draghi.

Share