Iscrizioni a scuola, caos vaccini a Roma. "Attese lunghe per prenotarsi"

Share

Come fare per mettersi in regola con le vaccinazioni?

Le dieci vaccinazioni obbligatorie sono suddivisa in esavalente (antipolio, tetano, difterite, epatite B, pertosse, Emofilo) e tetravalente (parotite, rosolia, morbillo, varicella). I genitori degli studenti non vaccinati, o non "in regola" con il programma (nel novarese sono circa 5mila), saranno invitati all'Asl per un colloquio: qualora la loro decisione resti quella di non vaccinare i propri figli, saranno sanzionati con una multa che può arrivare fino a 500 euro e che estingue, almeno temporaneamente (fino al prossimo richiamo dell'Asl), l'obbligo. E per venire incontro alle esigenze delle famiglie si è messo a punto un protocollo - che verrà firmato oggi da De Luca, dall'assessore Fortini e dalla direttrice scolastica regionale Franzese - che prevede di mettere in relazione diretta le Asl e le scuole: gli istituti potranno attingere direttamente alle banche dati della Sanità per verificare la situazione vaccinale dei loro studenti. Infatti basta che le famiglie abbiano prenotato i vaccini o abbiano presentato la dichiarazione di richiesta.

E se la prima scadenza è alle porte, quella che riguarda gran parte dei ragazzini in età scolare è ancora di là da venire: gli alunni delle elementari, quelli delle medie e gli studenti delle superiori (fino a 16 anni) hanno tempo fino alla fine di ottobre per consegnare la documentazione necessaria. Due uniche iniezioni più le dosi di richiamo. È valida, in alternativa, anche la copia della notifica di malattia infettiva rilasciata dalla Asl.

Inter, Karamoh a un passo: col Caen affare ai dettagli
CALCIOMERCATO INTER , FATTA PER KARAMOH- A poco più di un giorno dalla chiusura del calciomercato, l'Inter batte un altro colpo. Sul mancato arrivo di Patrik Schick: "A me piaceva sin da quando giocava in Serie B polacca, ma non potevamo prenderlo.

L'anno scolastico sta per iniziare e presto entrerà in vigore anche l'obbligo vaccinale.

Dovrebbero essere le scuole a trasmettere alle aziende sanitarie l'elenco degli iscritti: poi spetterebbe alle Asl restituire la lista di chi non è in regola con il calendario vaccinale. L'inadempienza a quanto stabilito dal decreto produce come conseguenza per la fascia 0-6 l'esclusione dall'asilo nido e dalla scuola materna oltre alla comminazione della sanzione amministrativa. Gli scolari degli altri gradi di istruzione continuano a frequentare.

Share