Lega, Salvini: "Mi hanno dato del razzista, ma sui migranti avevo ragione"

Share

Sono anche salviniana. Ho votato per Matteo Salvini alle primarie, mi fido del suo giudizio e delle sue capacità al punto da affidargli i progetti per la realizzazione dei miei sogni, ma sono soprattutto una indipendentista moderata cui non piace prendere parte nelle questioni interne al movimento. Le costanti sono però il Guerriero, cioè l'Albertino, con il leone di San Marco sullo scudo, il nome Lega Nord, la scritta Padania con il Sole delle Alpi verde. Cambiarle significherebbe confondere gli elettori e bruciarsi interi pacchetti di voti. Abbiamo intervistato Paolo Pagliaro dell'Ufficio di Presidenza Nazionale Forza Italia, Responsabile dipartimento regionalismo, federalismo e identità territoriali e Responsabile Cultura, turismo e comunicazione in Puglia per il partito azzurro, uomo di punta e grande conoscitore della materia che da anni propone il rimodernamento della macchina amministrativa. La presenza dei tre elementi del simbolo sarà confermata a Pontida. Come se fosse una notizia certa su cui imbastire una contestazione a Pontida.

Lega, Salvini:

Oggi l'Italia è formata da 20 regioni disomogenee di cui 5 a statuto speciale, poi ci sono 110 Province che dopo la riforma beffa di Delrio non hanno prodotto nessun beneficio, e infine 10 città metropolitane e ne sono previste altre 7, quello che dobbiamo fare, per forza, se vogliamo rimettere in piedi il paese, consiste nel taglio dei costi della politica che saranno circa del 50% se dismettiamo quest'enorme carrozzone che ormai dissangua le casse dello stato. Ecco che la relazione tra Salvini e la Isoardi assume inevitabilmente le sembianze di un binomio che, aldilà dell'amore incontestabile tra i due, può assumere un ruolo chiave nella campagna elettorale per le prossime politiche, ancora senza una data. Sostenere una simile tesi li lascia con in mano un cerino delle dimensioni di un cero pasquale. Candidato dalla coalizione alle prossime elezioni politiche del 2018. Chi da Fi guarda con preoccupazione la dichiarata ascesa di Salvini verso palazzo Chigi (ma ci crederà il diretto interessato?) spera non certo nel vecchio Bossi ma in Roberto Maroni. "Venga a parlare di questo Salvini, venga a parlare con noi, in maniera seria e poi glielo spieghiamo anche ad Emiliano cosa significa dare la possibilità ai nostri figli di riprendersi il futuro". Magari anche il nome lega ( senza nord, ovviamente). Stare dalla parte della Merkel o da quella della Le Pen non è importante, l'unica discussione ancora in atto è se accogliere in Sicilia Alfano e l'Ncd che Silvio riprenderebbe con sé, soluzione che non appassiona Matteo, che - il giorno di Ferragosto - avrebbe ribadito: "No ai poltronari".

Shooting near Westport leaves man wounded early Sunday
A woman was taken to the hospital with a gunshot wound to the arm that wasn't believed to be life threatening. Police say the shooting happened after an argument broke out between patrons.

Share