Gianna Nannini: "A Londra sposo Carla, e stepchild adopotion per mia figlia"

Share

Gianna Nannini sposa Carla', la compagna, l'amica di sempre, l'unica di cui si fidi davvero. Ma c'è anche chi ha scelto di lasciare l'Italia a malincuore per motivi 'civili' e legali.

Ricordiamo che questo è un momento d'oro per la carriera della cantante, che sul palco del Wind Summer Festival ha annunciato l'arrivo del suo nuovo album, Amore Gigante, che uscirà il 27 ottobre prossimo.

Insieme a Gianna e a Penelope all'ombra di Buckingham Palace trova spazio Carla, compagna di vita con cui la Nannini si unirà civilmente.

"Faccio i bagagli e cerco una casa in affitto a Londra per viverci" racconta la rocker italiana a Vanity Fair.

"Mi ci trasferisco con Carla e Penelope".

Gianna Nannini:

Nell'intervista rilasciata lo scorso aprile al Corriere della Sera, Gianna Nannini parlava di Europa e di come l'Italia tendesse a starle stretta, anche se in questi anni l'ha frequentata molto per i suoi tour. "Quindi me ne vado in questo Paese, l'Inghilterra, dove sono rispettata nei miei diritti umani di mamma".

Aggiungendo: "Faccio l'unione civile con Carla e la stepchild adoption, perché adesso è questo l'unico vero nucleo familiare di cui posso fidarmi".

"Io guardo Carla e mi fido solo di Carla", ha confessato la stessa cantante nella sua autobiografia "Cazzi miei".edita da Mondadori. Ho pensato di darle garanzie e rispetto. Allora da noi non c'erano nemmeno le unioni civili, figuriamoci la stepchild adoption' aveva specificato Gianna Nannini.

Nella decisione di trasferirsi nella capitale inglese, che permette alla Nannini di crescere la figlia in un ambiente più tollerante, forse sono pesate anche le critiche che hanno colpito la rocker a proposito della sua maternitò dopo i cinquant'anni. Lontana dall'Italia, ha potuto avere entrambe le cose, insieme alla sua compagna di vita Carla. E ripensando all'Italia, dice: "Mi manca la mia terra". Mi manca il mio vino.

Domenico Diele 'torna libero': il braccialetto elettronico è arrivato
Diele ha lasciato il carcere a bordo di un'autovettura della Polizia Penitenziaria che lo ha trasferito a Roma . Se non ci fosse stata la droga di mezzo, però, forse ora non avrebbe un braccialetto elettronico al polso.

Share