Assisi, Radio Subasio è di Mediaset: l'annuncio di Piersilvio Berlusconi

Share

"Io ho sempre pensato che rimanesse in Rai e così è stato". ". E Berlusconi Jr. rivendica anche il ruolo di Mediaset di protagonista assoluto anche sul fronte dello streaming: "Il 60% dei video visti online di tutta l'editoria italiana vengono dai nostri server". Niente decoder o parabole, ma solamente contenuti trasmessi in via gratuita e a portata di smartphone. E molto più integrato con il mondo lineare delle trasmissioni terrestri. "A oggi non ci sono accordi". Se la visione in streaming viene interrotta, il sistema "ricorda" precisamente il punto della pausa e, anche cambiando device, la riproduzione riparte proprio dallo stesso punto, proprio come accade in Netflix.

L'indiscrezione circolava da tempo, ora arriva l'ufficialità: "È stato chiuso, anche se attendiamo l'ok definitivo dell'Autorità, l'accordo per l'acquisto di Radio Subasio, che rende la nostra offerta radiofonica ancora più completa". Ci saranno molte più partite in chiaro, presumibilmente su Canale 5, e, incredibilmente, c'è la volontà di condividerne i diritti con altri operatori. Sky?

Sant'Egidio alla Vibrata: fanno esplodere bancomat
Si indaga sul modus operandi ma anche su alcuni nuovi dettagli, anche attraverso le immagini dell'impianto di videosorveglianza. La differenza rispetto agli altri colpi è che questa volta i malviventi anno colpito nel nel corso della settimana lavorativa.

Rispondendo a domande sul tema diritti tv Champions League, Berlusconi e il CFO del gruppo - Marco Giordani - si sono detti disponibili alla cessione in condivisione dei diritti in caso di offerta interessante, considerando il fatto che dal prossimo anno torneranno in mano a Sky. Sarà possibile, ad esempio, utilizzando il normale telecomando sulla smart tv, far ripartire il programma in diretta dall'inizio o visualizzare un programma in tv lanciandolo dal telefonino. Poi, Berlusconi ammette l'errore: "Abbiamo fatto un passo importante, l'acquisto dei diritti del calcio, ma non ha funzionato, perché la verità è che il mercato pay non è cresciuto ed è fermo a 6 milioni e mezzo di abbonati".

Arriverà nel corso del 2018 il nuovo servizio Mediaset Play che viene presentato come una sorta di prolungamento di tutti i servizi on demand del Biscione che si potranno utilizzare anche sui canale free del digitale terrestre. Altro nuovo servizio è Chatbot, che consentirà di interloquire in chat con un robot per avere informazioni sul meteo o su singoli programmi.

Share