Isis, Usa abbattono aereo siriano che bombardava la Coalizione

Share

Inoltre i russi hanno annunciato che qualsiasi aereo o drone americano che volerà nella zona est del Paese sarà da loro considerato un bersaglio da colpire.

La situazione nel nord della Siria.

Il giornalista siriano Alaa Ebrahim ha dichiarato a RT che ritiene che, abbattendo il jet siriano, Washington intende rivedere "linee rosse" nel conflitto siriano e dimostrerà che non tollererà il coinvolgimento delle forze armate del governo siriano nella liberazione Di Raqqa.

La premessa necessaria è che a questa domanda non c'è una risposta certa: non esiste un livello predefinito di tensione oltre il quale scatta automaticamente una guerra tra due paesi.

Del resto già in questo momento, come dimostrano le recenti operazioni militari messe in atto da entrambi gli eserciti, le due potenze non si stanno limitando a fornire soltanto un supporto. Qualcosa però si può mettere in fila, per capire meglio quali siano i rischi della crisi iniziata domenica.

Heino Kuhn set to crack nod in Proteas test squad
South Africa's Chris Morris was named man of the match for his decisive four-over spell of two for 18. England had crushed the tourists by nine wickets in the first match of the series in Southampton .

Ma perché i russi hanno reagito così energicamente?

Il giornalista ritiene che l'esercito siriano dovrebbe impegnarsi a sfidare la strategia statunitense in Raqqa, dato che ci sono notevoli preoccupazioni per quanto riguarda l'esito della battaglia se la città dovesse cadere in mano delle forze SDF guidate dagli Stati Uniti. Un avvertimento non solo per i terroristi: "Sauditi e americani sono tra i principali destinatari di questo messaggio", ha detto il generale Sharif. Teheran è il più grande sostenitore del regime di Damasco, avendo fin dai primi anni inviato a sostegno diverse milizie sciite controllate, che ad oggi rappresentano il netto quando si parla e scrive di "forze del regime siriano", ridotto al minimo com'è l'esercito regolare. Cosa farà ora la Russia? I motivi sono due.

Si fa sempre più dura e complessa la situazione in Siria. Potrebbe sembrare un problema da poco, ma non lo è. Intanto l'Iran colpisce lo Stato Islamico dopo gli attentati del 7 giugno a Teheran. Ora che lo Stato Islamico sta subendo una sconfitta dietro l'altra, sia in Iraq che in Siria, il tema del dopo sta cominciando a diventare urgente e le forze sul terreno - sia quelle appoggiate dagli Stati Uniti che quelle appoggiate dalla Russia - hanno cominciato a competere tra loro per ottenere il più possibile.

Gli alleati di Damasco hanno reagito immediatamente. La Russia non vuole peggiorare i rapporti con gli Stati Uniti, e gli americani non sono interessati al deterioramento delle relazioni con la Russia.

- alla sua periferia ci sono importanti impianti petroliferi.

Share