Ballottaggi, vittoria del Centrodestra. Storica sconfitta del Pd a Genova

Share

Il Pd di Matteo Renzi ha perso in tutte le città dell'Emilia Romagna, a Sesto San Giovanni, a L'Aquila. Al momento Salvemini è al 54,39% contro il 45,61% di Mauro Giliberti del centrodestra che aveva riportato al primo turno il 45,29%.

Renzi aveva percepito l'arrivo della catastrofe e perciò aveva scelto di tenersi in ombra in queste due settimane, affermando che la consultazione non aveva una rilevanza politica nazionale. Sul successo di Giordani, che quando sono state scrutinate 192 delle 206 sezioni, è avanti con il 51,9 % (oltre 3200 voti), ha influito in modo determinante l'apparentamento raggiunto con il professore universitario Arturo Lorenzoni, forte del 22% conquistato dalla sua Coalizione Civica l'11 giugno.

E al di là del caldo afoso forse ci sono altre ragioni che spiegano un allontanamento dalle urne così clamoroso. Di fronte a questa evidente sconfitta, Renzi è miracolosamente riapparso via Internet un'ora dopo la mezzanotte con tweet farneticanti e mendaci. Occhi puntati su Genova, dove il candidato di destra Bucci tenterà il colpaccio storico ai danni del centrosinistra rappresentato da Crivello. Il candidato di centrodestra Mario Landriscina, dai dati del Viminale, è eletto col 52,68% sullo sfidante del centrosinistra Maurizio Traglio al 47,32%. E il centrodestra, stando alle proiezioni, avanza a La Spezia - altra roccaforte del centrosinistra - Lodi e Pistoia.

A La Spezia il ballottaggio è favorevole al centrodestra, con Peracchini in testa su Manfredini (centrosinistra).

PISTOIA - Dopo decenni il Comune di Pistoia passa ad essere governato dal centrodestra. Le città in cui il centrosinistra risulta avanti sono certo importanti, ma non spostano il risultato.

VERONA - E' in testa il candidato del centrodestra Federico Sboarina (centrodestra) al 57,9% sulla candidata Patrizia Bisinella (Fare! e civiche) al 42,1% nonostante l'appoggio del centrosinistra. A Parma, però, a sorridere è il simbolo del dissenso interno al M5s, Federico Pizzarotti. L'ex pentastellato Pizzarotti, sostenuto da una lista civica, rimane sindaco di Parma.

Sky and Vodafone NZ terminate proposed merger
The pay TV provider says the parties chose to withdraw their appeal of the Commerce Commission's decision regarding the proposed merger.

CATANZARO - A Catanzaro, sempre secondo l'istituto Piepoli per Rai, il candidato del centrodestra Sergio Abramo (primo turno 39) è al 52-56%, mentre Vincenzo Antonio Ciconte del centrosinistra, (primo turno 31) è al 40-44%.

L'AQUILA - L'Aquila passa al centrodestra. Clamorosa è la vittoria a L'Aquila, dove Pierluigi Biondi ribalta il risultato del primo turno e ha la meglio su Americo Di Benedetto.

TARANTO - Il Comune di Taranto resta al centrosinistra.

Anche se c'è da scommettere che gli avversari interni ed esterni del Pd a trazione renziana approfitteranno della sconfitta alla comunali per rilanciare l'idea di uno spostamento a sinistra: il guardasigilli e competitor di Renzi alle ultime primarie Andrea Orlando il 27 riunirà la sua area proprio per chiedere una svolta in questo senso, e con Gianni Cuperlo sarà alla manifestazione del 1 luglio a Piazza Santi Apostoli ad ascoltare Giuliano Pisapia che lancerà un nuovo appello per la costruzione di un nuovo centrosinistra senza Renzi candidato premier. Nel capoluogo siciliano era in corsa un unico candidato, Pietro Savona (Pd), dopo l'esclusione del secondo che era arrivato al ballottaggio.

È questo, in estrema sintesi, il bilancio del turno di ballottaggio delle elezioni amministrative 2017, che avrebbe dovuto riguardare oltre 4 milioni di italiani e che è stato sostanzialmente snobbato da oltre la metà degli aventi diritto, con l'affluenza sotto il 50%.

Share