Ballottaggi, exit poll: centrodestra avanti. Pd arranca Pizzarotti bis a Parma

Share

Il centrodestra canta vittoria e vanta il buon risultato ottenuto con la federazione delle proprie forze e la ritrovata unità a livello locale, una presa d'atto che potrebbe imprimere un'accelerazione verso le elezioni politiche. Pd indietro anche a Catanzaro e Parma, dove è in vantaggio l'ex grillino Federico Pizzarotti. Tutti avranno il diritto di parlare con noi e noi prenderemo le decisioni sulla base dei loro input.

GENOVA - E' in testa il candidato di centrodestra Marco Bucci con il 54% sul candidato di centrosinistra Giovanni Crivello al 46%.

LA SPEZIA - Il centrodestra stravince a La Spezia. Lo sfidante del centrosinistra si è fermato al 45,72%.

Vittoria anche a Verona, il cui sindaco uscente Flavio Tosi ha optato per la sua compagna Patrizia Bisinella.

TARANTO - E' in testa il candidato del centrosinistra Rinaldo Melucci al 51% sulla candidata Stefania Baldassarri, sostenuta da liste civiche al 49%.

Vettel: "Ferrari, un colpo in faccia. Ma niente panico"
Noi, invece, ci sediamo ad un tavolo e ci facciamo i complimenti a vicenda. Vettel , dal canto suo, è pronto a ricominciare la scalata al titolo.

PARMA - E' nettamente in testa il candidato sindaco uscente Federico Pizzarotti con il 59% sul candidato del centrosinistra Paolo Scarpa al 41%.

L'AQUILA. Secondo il primo exit poll di Ipr Marketing-Istituto Piepoli per la Rai, a L'Aquila c'è un testa a testa tra Pierluigi Biondi (candidato del centrodestra) e Americo Di Benedetto (del centrosinistra), dati entrambi tra il 48 e il 52%.

A Catanzaro, invece, centrodestra avanti con Sergio Abramo che avrebbe il 58-62% delle preferenze, mentre il centrosinistra con Vincenzo Antonio Ciconte è al 38-42%.

TRAPANI - L'affluenza alle urne si è fermata al 26,75% e quindi le elezioni non sono valide: il comune verrà commissariato. Nel capoluogo siciliano era in corsa un unico candidato, Pietro Savona (Pd), dopo l'esclusione del secondo che era arrivato al ballottaggio.

I risultati nei 111 comuni dove si sono svolti i ballottaggi hanno segnato una nuova, dura lezione per il Pd di Renzi, che diventa la palla al piede del centrosinistra in tante, importanti città, alcune delle quali da storiche roccaforti della sinistra sono diventate terreno di pascolo per candidati e liste del centrodestra. In una tornata elettorale che registra un'alta disaffezione dell'elettorato (affluenza al 46%, tredici punti in meno rispetto al primo turno) a fare rumore è, innanzitutto, quell'alleanza di centrodestra che, fino a qualche giorno fa, vedeva proprio Matteo Salvini e Silvio Berlusconi tra i più scettici.

Share