Londra, Gloria e Marco sono morti nell'inferno della Grenfell Tower

Share

Il tipo di copertura usata per il rivestimento della Grenfell Tower di Londra non aveva le caratteristiche per essere definito come totalmente ignifugo, tanto che in alcuni paesi come gli Stati Uniti il suo uso è soggetto a restrizioni. L'ufficialità è arrivata nel tardo pomeriggio di ieri, rispettivamente a Camposampiero (PD) e San Stino di Livenza (VE) ed è stato l'avvocato della famiglia Trevisan, Maria Cristina Sandrin, a comunicarlo alla stampa. Perfino gli allarmi anti-incendio non sarebbero scattati.

C'è solo amore, negli ultimi pensieri di Gloria.

"È stato spaventoso, molto brutto, non ho mai visto nulla di simile, è proprio un incendio enorme": ha detto un altro testimone, Tim Downey, alla Bbc.

INCENDIO A LONDRA, GRENFELL TOWER: LA POLIZIA SPERA IN MENO DI 100 VITTIME -Si mobilitano anche le forze dell'ordine londinesi per indagare sull'incendio avvenuto a Londra.

Dalma Maradona risponde a Dani Alves
Poi lei si poneva la domanda sui Palloni d'Oro che avrebbe vinto mio padre. "Forse lei non lo sapeva". Ho guardato la sua intervista, diceva che non si possono paragonare Messi e mio padre.

Qui il video in diretta dell'incendio. I morti recuperati trasportati all'obitorio sono già 16.

Un vasto incendio si è sviluppato in un grattacielo a Latimer Road, nella parte ovest di Londra. Secondo la ricostruzione, riportata anche da tanti portali tra cui RaiNews, a installare i pannelli comprati da Omnis è stata l'azienda Harley Facades, mentre a gestire i lavori era un'altra azienda, la Rydon, chiamata dal municipio di Kensington e Chelsea, perché l'edificio era di proprietà dell'ente locale: l'obiettivo originario era di alloggiare le fasce di popolazione più povere, poi però (con alcuni cambiamenti legislativi) alcuni appartamenti erano finiti ai privati. Secondo quanto riportato dal settimanale britannico Newsweek, il drone sarebe stato utilizzato "per contribuire a verificare la statica dell'edificio" in cui hanno trovato la morte 30 persone e purtroppo il bilancio sembra destinato a salire, visto che ci sono oltre 70 dispersi e la polizia ritiene improbabile che qualcuno possa essersi salvato dalla catastrofe, della quale con sono ancora note le cause.

Erano circa 600 gli inquilini della Grenfell Tower, ma al momento non si sa se tra questi ci sono altri italiani.

I vigili del fuoco della capitale britannica hanno infatti confermato che non ci sono più possibilità di trovare persone vive tra le macerie del grattacielo di North Kensington. Ancora ignote le cause, mentre decine e decine di squadre di pompieri sono accorsi sul posto. Stavano dando un addio.

Share