Fabio Fazio, stipendio ridotto, ma rimane da Mamma Rai

Share

A dirlo è la delibera sul Piano per l'individuazione e la remunerazione dei contratti con prestazioni di natura artistica approvato oggi dal cda Rai. Il documento precisa che "possono considerarsi di natura artistica le prestazioni in grado di offrire intrattenimento generalista o di creare o aggiungere valore editoriale". Il piano prevede comunque un taglio di almeno il 10% rispetto alle cifre attuali e la decurtazione cresce con il salire degli importi.

I criteri del documento servono a definire "prestazioni per cui sia possibile il superamento del limite retributivo dei 240mila euro". In ogni caso, per 'ogni deroga dovrà essere fornita adeguata motivazione resa esplicita in fase contrattuale da parte degli organi responsabili'.

Il cda ha approvato all'unanimità il documento che vara la nuova policy aziendale in materia di tetto ai compensi e precisa che "possono considerarsi di natura artistica le prestazioni in grado di offrire intrattenimento generalista oppure di creare o aggiungere valore editoriale". "Nello stesso tempo l'obiettivo è quello di salvaguardare la necessità di stare sul mercato continuando a svolgere al meglio la missione di servizio pubblico".

Trump Cuba policy announcement in Miami
Check out MyPalmBeachPost.com later for a more complete story on Trump's Cuba policy announcement in Miami . The President personally thanked a one-time rival for the presidential nomination, Sen.

La Rai sta subendo un vero e proprio terremoto interno: dopo l'elezione del nuovo direttore generale Mario Orfeo, ecco arrivare la prima grande decisione del Cda.

E' evidente - conclude il comunicato Rai - che la tutela del futuro del servizio pubblico passa necessariamente anche attraverso la possibilità di continuare ad avvalersi di grandi professionalità che contribuiscano a creare prodotti autorevoli e riconoscibili. D'altronde, ce la suonano così bene che la maggior parte di noi rimane incantata. "Questo", ha concluso, "è quello che abbiamo fatto e continueremo a fare, anche se farlo da qui in poi sarà un cammino molto complesso, ma importante e condiviso".

"E' difficile spiegare agli italiani che nel pubblico vige un tetto da 240 mila euro valido per tutti ad eccezione di una piccola casta", dice Michele Anzaldi. Sempre sul Devoto-Oli, siamo andati a cercare la voce "arte" che così è descritta: qualsiasi forma dell'attività dell'uomo come riprova o esaltazione del suo talento inventivo e della sua capacità espressiva.

Share